Crea sito

Barbara Di Francia (poetessa)

BIOGRAFIA

 

Barbara Di Francia , è nata a Cosenza nel 1974. Attualmente vive a Piane Crati in provincia di Cosenza .
Appassionata di fotografia, casalinga, moglie e madre a tempo pieno.
Esordisce  ufficialmente nell’ambito della  poesia ,sua compagna sin dall’infanzia, quasi per gioco partecipando alle selezioni nazionali della  Associazione Culturale  Gueci ,  per il   Gran Gala’ di Poesia Rende... InVersi  nel 2014 ,  giunto alla IV edizione e inserito nello storico cartellone del Settembre rendese ed entra a pieno titolo nella kermesse poetica, declamando personalmente la sua lirica dal titolo “Piccolo viso”. Riscuotendo consensi da parte del pubblico presente.
La sua riservatezza e la timidezza le hanno  impedito sino ad oggi di  partecipare a concorsi e ad altre competizioni fino a quando una persona amica e la stessa presidente Gueci l’hanno incoraggiata intuendo le grandi capacità della stessa.
Il suo sogno attualmente  e’ di riuscire  a pubblicare una raccolta di poesie dove le piacerebbe fossero raccolti i suoi scritti tenuti nel cassetto sino a oggi !

Alcune sue Poesie.

Piccolo viso

Notte di gelo,notte di neve ….
che sei il passato di tempi lontani ….
Si ripercorrono i ricordi nella mente affollata,
di pensieri  ancora non dimenticati.
Paure,ansie e nostalgie
di incertezze e flebili agonie.
Cade,cade la neve …..cosi come
si gela l’anima mia ….
Puro candore nel riscoprire
la meraviglia di un candido viso
che intenerisce con un sorriso
il cuore di mamma intorpidito.

 

 ESCAPE='HTML'

A piccoli passi


A piccoli passi giorno dopo giorno si va avanti,
in punta di piedi alcune volte per non far male ….
quasi come per non disturbare …
Altre invece scontrandosi con la gente,con gli altri
che ti sembrano diversi,forse lo sono …..
ma poi mi chiedo che colpa ne abbiamo noi?......
In fondo siamo sempre noi …. che poi dobbiamo
fare i conti con la nostra coscienza
alla fine siamo a un bivio …. e cosa rimarra’?....Chissa’?.
A piccoli passi andiamo avanti,tra l’indifferenza della gente,
di quella che ci fa soffrire,di quella malata,
indifferente o anche diffidente …..
E cosa ci resta poi se non l’amarezza e quella strana sensazione
come di chi si sente impotente e non puo’ fare niente.
Come di chi vorrebbe fare qualcosa di piu’ e non ci riesce
o non ha il coraggio,non ha la forza.
In fondo siamo tutti esseri umani che cercano,si affannano
e non riescono a trovare una strada …..
ma forse una via d’uscita c’e’,basta solo trovarla ….
a piccoli passi …..

 ESCAPE='HTML'

Sorella poesia


Intingo la penna nell’inchiostro dell’essenza
quando affiora tra le righe un semplice pensiero all’occorrenza.
E’ sorella poesia che mi tende la mano,
scorrevole,leggiadra sensazione che va piano.
Si trasforma come il canto dell’usignolo in dolce melodia
per sconfinare nei paesi della fantasia.
Ho bisogno di poesia,che la magia bruci la pesantezza delle parole,
di risvegliare le emozioni che si sono assopite come in un sonno arrendevole.
Di dare colori nuovi ai giorni che si susseguono come i minuti
in questa vita che e’ un’incognita anche per noi sopravvissuti.

 ESCAPE='HTML'

Tornero’  a respirare

Profumo di ciclamini
respiro nell’aria di una mattina d’autunno
che scivola portando via con se un altro anno.
Aria di festa tornero’ a respirare
di quando la domenica ancora bambina
mi incamminavo alla ricerca di fiori di campo su per la collina.
Tornero’ a respirare aria incontaminata,fresca bellezza
che accarezza i ricordi ancora vivi di anni giovanili,
delusioni,entusiasmi femminili.
Sognando ad occhi aperti,volando con la fantasia
colmero’ i vuoti dell’anima ricoprendoli di boccioli
che si schiuderanno ad un battito di ciglia……
per poi lasciarci soli a respirare ancora abbracci di nuvole.